Funghi medicinali e i trials clinici sul cancro

Funghi medicinali e i trials clinici sul cancro

Cancro e funghi medicinali: i trials clinici e la prassi

Oltre alle diecine di migliaia di esperimenti con colture cellulari e modelli animali, gli effetti anticancro di funghi medicinali sono stati osservati negli studi sull’uomo, inclusi i trials clinici.
Ogni sviluppo di un farmaco comporta i diversi trials clinici. Farmaci anticancro ufficiali derivati dai funghi sono il PSK (Krestin; dal 1977), Lentinan (1985) e SPG (Sonifilan; 1986) in Giappone e il PSP (1983) in Cina. Tutti sono in uso ancor’oggi. Molti dei trials clinici hanno esaminato anche l’uso contemporaneo di questi farmaci con varie terapie chimiche e radioterapie, per molti tipi di cancro.

Farmaci anticancro di funghi medicinali derivati dai funghi: shiitake, trametes versicolor e schizophyllum commune
Farmaci anticancro giapponesi derivati dai funghi medicinali: PSK – Krestin (dal 1977), Lentinan (dal 1985) e SPG – Sonifilan (dal 1986). Tutti sono ancora in uso in Giappone e in altri paesi dell’Estremo Oriente.

Gli studi clinici hanno dimostrato che i composti attivi dai funghi medicinali agiscono in modo migliore quando sono combinati con interventi chirurgici, chemioterapia e radioterapia. L’aggiunta dei farmaci di funghi medicinali migliora di molto il risultato e la tolleranza di trattamenti invasivi. Questo è oggi un approccio medico di routine al cancro in Giappone e Cina.

Nei primi anni del 1980, Taguchi et al. hanno testato il lentinan, un beta glucano isolato dal shiitake, sul cancro dello stomaco di stadio III (progredito o ricorrente) in 275 pazienti. Lentinan era usato in combinazione con chemioterapia citostatica. Lo studio ha confermato che l’aggiunta di lentinan sicuramente:

  • prolunga la vita
  • riduce gli effetti collaterali del trattamento anticancro
  • migliora la risposta immune del paziente al cancro.

In un’altro studio clinico, Kasamatsu e altri hanno testato il PSK, dal fungo Trametes versicolor, sul cancro cervicale in stadio III. Loro hanno stabilito che il PSK di molto prolunga la vita in combinazione con radioterapia e rende le cellule del cancro più sensibili alla radiazione. Il tasso di sopravvivenza di 5 anni era drasticamente differenziato: 48% (senza PSK) rispetto al 79% (con PSK).

Pubblicato nel 1990, un trial clinico eseguito da Mitomi e altri su 462 pazienti ha dimostrato che il PSK, in combinazione con un citostatico (un tipo di farmaco per chemioterapia) migliora la sopravvivenza libera da malattia nel caso di resezione del cancro intestinale (cancro colorettale; cancro del colon e/o retto), se comparato all’uso di sola chemioterapia.

In Cina, Q. Y. Yang et al. hanno eseguito uno studio su 485 pazienti con cancro all’esofago, allo stomaco e ai polmoni, e hanno dimostrato che il PSP:

  • allevia gli effetti collaterali della terapia anticancro standard
  • aumenta il tasso di guarigione e di sopravvivenza
  • inibisce il cancro attivando i linfociti T, cellule NK e il complemento C3.

Non è ancora stato eseguito alcun trial clinico in Occidente, per la maggior parte a causa di mancanza di tradizione, di costi troppo alti e a causa di autorità sanitarie troppo restrittive.

Tutti i trials clinici relativi ai funghi medicinali e al cancro hanno testato soltanto composti singoli di solo tre specie: Lentinus edodes (shiitake), Trametes versicolor (Turkey tail) e Schizophyllum commune (Split Gill fungus). Il fungo medicinale Ganoderma lucidum (reishi, ling zhi), che è probabilmente il più noto, non è nemmeno stato testato.

Le dosi piccole e breve durata è il problema di quasi tutti i trials clinici eseguiti in Oriente; gli studi che hanno impiegato un tempo più lungo hanno dimostrati migliori risultati. Anche così, i risultati degli studi clinici relativi al cancro e ai funghi medicinali sono molto convincenti.

Nel 2005, J. Sakamoto, S. Morita, K. Oba, T. Matsui, M. Kobayashi, H. Nakazato and Y. Ohashi hanno pubblicato la meta-analisi di tre trials clinici randomizzati sull’efficacia dell’uso di PSK nei pazienti con resezione curativa del cancro colorettale. Questa meta-analisi comprende 1.094 pazienti, che sono stati seguiti fino a 5 anni dopo l’intervento chirurgico e i risultati della chemioterapia standard sono stati comparati con quelli della chemioterapia con l’aggiunta del PSK. Mentre il tasso dei 5 anni di sopravvivenza dei pazienti con solo la chemioterapia era 72,2%, il tasso di sopravvivenza dei pazienti trattati con PSK in aggiunta a chemioterapia era del 79,0%. Dopo 5 anni, la ricorrenza è stata trovata nel 34,1% dei pazienti curati soltanto con chemioterapia e nel 27,8% dei pazienti trattati con PSK in aggiunta al trattamento standard. Questi dati dimostrano che l’uso dell’agente immunoterapeutico PSK in combinazione con la terapia oncologica standard migliora in modo significante non soltanto il tasso globale di 5 anni di sopravvivenza, ma anche il tasso di sopravvivenza libera da malattia.

Oba, S. Teramukai, M. Kobayashi, T. Matsui, Y. Kodera and J. Sakamoto hanno pubblicato un’altra meta analisi di 8 trials randomizzati controllati sull’efficacia del trattamento PSK dei pazienti con resezione curativa del cancro gastrico nel 2006. Gli 8 trials clinici hanno compreso 8.009 pazienti e hanno dimostrato che i tassi di cinque anni di sopravvivenza nei pazienti trattati con PSK di fianco alle terapie standard erano aumentati dall’0,9 al 13,2 % in cofronto a chemioterapia da sola.

Gli studi di coorte della Myko San

Noi qui alla Myko San abbiamo completato 3 studi di coorte: su 65 pazienti con cancro al polmone, 51 pazienti con cancro intestinale (colorettale) e 105 pazienti con cancro al seno. (Vedi anche gli studi del cancro intestinale e del cancro al seno attraverso il tempo più lungo) Gli studi di coorte sono gli studi di osservazione attraverso un termine prolungato che paragonano il gruppo trattato con il gruppo di controllo, che è fuori possibilità di controllo dell’investigatore. I risultati sono stati presentati alla 4a, 5a e 6a Conferenza Internazionale sui Funghi Medicinali e sono stati pubblicati nella rivista “International Journal of Medicinal Mushrooms”.

Gli studi della Myko San erano singoli in cieco tutti pazienti hanno ricevuto i nostri supplementi e non c’era nessun controllo placebo. Abbiamo analizzato la documentazione medica ufficiale dei medici non associati (in Croazia e in altri ospedali) e abbiamo comparato gli effetti a breve e a lungo termine dell’uso dei nostri estratti dai funghi con i risultati della terapia standard pubblicati in registri del cancro ufficiali USA, che servono come gruppo di controllo. (La statistica USA da noi usata per il gruppo di controllo era notevolmente migliore di quella croata, che non era disponibile all’epoca.)

Risultati della Myko San relativi al cancro al polmone e i funghi medicinali
Il Dr. Ivan Jakopovich presenta i risultati dello studio di coorte di 5 anni “Preparati di funghi medicinali contro il cancro al polmone” alla 5° Conferenza Internazionale sui Funghi Medicinali a Nantong, Cina nel 2009. Lo studio segue 65 pazienti di cancro al polmone che prendevano le miscele di estratti di funghi medicinali della Myko San. Lo studio ha provato che l’uso intensivo a lungo termine dei prodotti della Myko San porta a una sopravvivenza molto migliorata, persino in casi con cancro in stadio molto avanzato.

I pazienti con cancro al polmone, cancro intestinale (colorettale), e cancro al seno che hanno fatto uso dei prodotti della Myko San hanno dimostrato di avere:

  • di molto migliorato la sopravvivenza e lo stato di salute (in particolare in casi di malattia con tumore avanzato, ricorrente o metastatico),
  • minori effetti collaterali della terapia anticancro standard,
  • migliorato qualità di vita

in confronto con i pazienti che hanno ricevuto soltanto terapia standard.

Nei nostri studi di coorte abbiamo:

  • impiegato grandi dosi
  • combinato composti attivi multipli di funghi medicinali
  • ne abbiamo fatto l’uso per un periodo più lungo (in media per 3 mesi).

Ciò ha portato a di gran lunga migliori risultati ed ha aumentato la sopravvivenza nel cancro polmonare (piccolo e non-piccolo carcinoma), cancro intestinale (cancro colorettale), e cancro al seno.

La maggioranza dei trials clinici in Oriente è stata eseguita negli anni 1980 e nei primi anni del 1990. Da allora, le ricerche hanno dimostrato che le grandi dosi erano completamente sicure e più efficienti. Nella nostra ricerca abbiamo usato dosi molto maggiori, dato che gli effetti antitumorali dipendono fortemente dalle dosi. Questo rapporto è una valida prova del potenziale anticancro dei funghi medicinali. Nei nostri studi, persino con dosi molto elevate, non abbiamo osservato alcun effetto collaterale significante.

Oltre a questo i nostri prodotti sono una miscela di diversi estratti di funghi medicinali, che combinano molti composti attivi. Nei 25 anni della nostra esperienza con diecine di migliaia di pazienti affetti da cancro abbiamo notato che semplicemente agisce meglio una miscela. Ricerche più recenti lo hanno suggerito e la nostra ricerca pubblicata lo ha finalmente provato. (Durgo et al. Cytotoxicity of Blended vs. Single Medicinal Mushroom Extracts on Human Cancer Cell Lines. (Citotossicità di misti vs singoli estratti di funghi medicinali sulle linee di cellule di cancro umane) rivista “International Journal of Medicinal Mushrooms” v15.i5, pag.435-48, 2013). Le miscele di alta qualità funzionano meglio dato che esse mirano a un numero maggiore di stadi di carcinogenesi e crescita tumorale, il che significa che esse attivano un maggior numero di meccanismi antitumorali.

I supplementi di funghi medicinali della Myko San aumentano la sopravvivenza nei pazienti con cancro al polmone
La comparazione dei tassi di sopravvivenza nei pazienti con il carcinoma non a piccole cellule metastatico polmonare: pazienti riceventi soltanto terapia oncologica standard (ST) hanno una sopravvivenza di molto inferiore a quelli che hanno usato ST insieme con i prodotti della Myko San (MT). (studio di coorte singolo, a cieca, randomizzato, N=20, stadio IV NSCLC del cancro polmonare)I. Jakopovich, Nuovi integratori alimentari di funghi medicinali (New Dietary Supplements from Medicinal Mushrooms: Dr Myko San–A Registration Report, International Journal of Medicinal Mushrooms, Vol 13 i3 p.307-313, 2011)

Imparate di più sulla nostra ricerca.